Bari, gli ecomostri invadono la città per colpa della burocrazia italiana

La lentezza della burocrazia italiana condanna il Paese all’immobilità: il simbolo di questo disagio è Bari, tappa del viaggio del reportage di Toni Capuozzo andato in onda nell’ultima puntata di Matrix. Infatti, da quasi quattro anni nel porto della città è ancora ormeggiato il relitto della nave Norman Atlantic: non solo uno “spettacolo” antiestetico, ma anche un vero e proprio impedimento alle attività portuali. La procura ne ha autorizzato lo spostamento a una banchina più lontana, ma sono i dettagli sulla sicurezza del trasferimento e della nuova sistemazione ad aver bloccato tutto.

640x360_C_2_video_835451_videoThumbnail

Invece, nel quartiere di San Girolamo c’è l’ennesimo ecomostro sul mare, un cantiere lasciato abbandonato a se stesso da due anni e mezzo. La struttura blocca la visione del bellissimo panorama e danneggia le attività economiche del quartiere. Gli abitanti del luogo l’hanno ribattezzato “il mambrone”, una parola che indica “un sasso grosso sullo stomaco, un miscuglio di cose messe insieme”. Una definizione perfetta per descrivere anche un Paese come l’Italia, dove, come ha ricordato Toni Capuozzo, ci sono ben “750 opere pubbliche incompiute”.

Bari, gli ecomostri invadono la città per colpa della burocrazia italianaultima modifica: 2018-04-26T14:37:13+02:00da elliaellia
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment